Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Visita del Governo egiziano ad Aswan

Un nuovo successo e’ stato messo a segno da un’impresa italiana in Egitto. Si é svolta infatti ieri ad Assuan una visita di alto livello agli stabilimenti della società Kima, compagnia egiziana leader nella produzione dei fertilizzanti, per cui l’italiana Maire Tecnimont ha avviato la fase realizzativa di un impianto di ammoniaca, urea e fertilizzanti incluse le utilities & off-site facilities di supporto, del valore complessivo di circa 540 milioni di dollari.

L’evento si é svolto in un clima positivo alla presenza di una nutrita squadra del Governo egiziano guidata dal Primo ministro, Ibrahim Mehleb, assistito dal Ministro dell’industria, investimenti e commercio, Abdel Nour, del turismo Zazou, dell’approvvigionamento Hanafy, dell’irrigazione Abdel Moutallib, e dello sviluppo locale, Labib. La visita é servita anche a ribadire il forte legame che unisce Egitto e Italia, primo partner commerciale a livello europeo e uno dei maggiori investitori nel Paese.

“Questo accordo prova che ci sono spazi di cooperazione fra i nostri due Paesi” – ha dichiarato a margine l’Ambasciatore d’Italia, Maurizio Massari. “Sono peraltro convinto che una rapida finalizzazione del progetto, ed in particolare gli aspetti relativi al pacchetto finanziario, consentirebbe un rapido avvio da parte della societa’ italiana della fase operativa di realizzazione dell’opera”.

“Da parte dei vertici delle Autorita’ egiziane  e’ stato assicurato il massimo impegno affinche’ si completino le procedure e gli adempimenti necessari sul fronte egiziano, che permettano a Maire Tecnimont di avviare le opere di realizzazione dell’impianto (la cui costruzione sara’ completata in tre anni)”. “L’Italia – ha proseguito il diplomatico – si dimostra ancora una volta un partner serio ed affidabile, e continueremo a favorire con piena convinzione e senso di responsabilità il ‘matching’ delle richieste delle nostre imprese con quelle degli amici egiziani”.

Rassegna Stampa